Continua il percorso di attenzione sul bene prezioso dell’acqua intrapreso quest’estate durante i campi diocesani che hanno coinvolto piccoli e grandi.

All’assemblea diocesana di domenica 24 settembre, la Commissione Stili di Vita ha presentato il primo concorso fotografico “Osservo, scatto e racconto… il dono dell’acqua”, che ha lo scopo di continuare la riflessione su questo elemento naturale, spesso dato per scontato nella nostra vita quotidiana.

La partecipazione è aperta a tutti gli aderenti della Diocesi (e a chi si impegna ad aderire quest’anno), come singoli, coppie, famiglie o gruppi associativi, che entro il 14 novembre potranno presentare una foto a cui allegare obbligatoriamente un messaggio che accompagni lo scatto. Proprio questo aspetto è di particolare rilevanza in quanto la volontà della commissione e consiglio diocesano è proprio di fermarsi a “dare pensiero e voce” a quanto proposto, per superare la logica dello “scatto-archivio-dimentico” legato alle nuove tecnologie.

Alcune indicazioni formative utili per la riflessione personale e di gruppo le potete trovare nel link

 

 Tutti i dettagli e le informazioni necessarie per partecipare li trovate nei documenti qui allegati che consistono in:
- Bando 


- Iscrizione 
- Liberatoria per non aderenti

 

Il concorso prevede un premio finale che consiste in un buono del valore di € 50 a scelta tra le seguenti proposte. Curiosi di conoscere i premi?

1- biglietti per il museo dell'acqua di Asiago con ristoro

2- biglietti per la vecchia strada Montereale-Barcis con ristoro nel vicino agriturismo

3- buono per gadgets e testi associativi

4- buono per prodotti Commercioequo

5- contributo per un progetto finalizzato a costruire un pozzo acqua in Africa

I vincitori del concorso potranno scegliere tra le opzioni sopracitate; il premio verrà poi definito insieme, tra il vincitore (singolo, famiglia o gruppo) e la commissione organizzatrice.

Perché partecipare?
Perché l’acqua è un bene di tutti,
è un bene prezioso perché non illimitato,
perché tutti possiamo fare qualcosa per prendercene cura nelle piccole scelte quotidiane.

Laudato si' mi' signore per sor aqua, la quale è multo utile et humile et pretiosa et casta.

(San Francesco d’Assisi)